Monthly Archives: marzo 2014

Parchi gioco disabili. Ma l’inclusione dov’e’?

Qualche giorno fa è comparsa la notizia dell’apertura, in alcuni parchi del II Municipio, di parchi gioco per bambini diversamente abili. Se in Consiglio municipale ne avessimo saputo qualcosa per tempo, avremmo potuto chiarire in molti quello che chiunque abbia un minimo di familiarità con la tematica della disabilità, sa bene: le persone diversamente abili hanno bisogno di sentirsi parte integrante di una comunità, non di essere ghettizzate. Anzi, le istituzioni hanno il dovere di includere i bambini speciali nelle attività che quotidianamente svolgono i bambini senza disabilità. Questo approccio è praticato quotidianamente nella scuola e ci si aspetta che anche il territorio lo conosca e lo pratichi. Mi chiedo e chiedo al Presidente Gerace e alla sua Giunta: esiste un progetto per abbattere le differenze fra bambini diversamente abili e non? Vogliamo cominciare a parlare di inclusione?

807414443fdae2e275c8486fac42b4a8_44547_immagine_obig[1]

Un Obama al giorno leva il degrado di torno.

E’ vero che nei giorni in cui c’era il Presidente americano chi vive o lavora ai Parioli ha dovuto dimenticare di parcheggiare l’auto o di prenderla per andare da qualche altra parte, però il quartiere così tirato a lucido non si vedeva dai tempi di Bush. Strade pulite e lavate, alberi potati, spazzatura magicamente assente. Peccato che il quartiere, dopo la partenza di Obama, sia tornato rapidamente all’abbandono e che, come i Parioli, anche il resto della città abbia ripreso ad offrire a cittadini e turisti lo spettacolo indecoroso di una Roma abbandonata. Basti pensare ad ambulanti, venditori abusivi di ombrelli e statuette made in China, camion bar e centurioni, varia umanità che assedia, con le sue mercanzie, il tempio della grande bellezza. Peccato che Obama sia rimasto così poco. Giusto il tempo di nascondere la polvere sotto il tappeto.

Musica e politica a Villa Leopardi

“Musica e Politica nell’Italia unita. Dall’Illuminismo alla Repubblica dei partiti”. Questo il titolo del saggio che Lorenzo Santoro ha presentato oggi alle 11 alla Biblioteca di Villa Leopardi (via Makallè 4). Il libro, edito da Marsilio, analizza come dal tardo Illuminismo, al Risorgimento, come nella Scapigliatura, nell’Idealismo e nel fascismo la musica sia stata sempre cartina di tornasole dell’approccio alla politica. Nel Novecento, con i nuovi movimenti come il futurismo e il comunismo, la musica ha recuperato attenzione all’oralità e all’improvvisazione e un nuovo ruolo in politica. Questa ricerca mette in evidenza i nessi tra l’espressione musicale e la sua elaborazione da parte dei musicisti, degli intellettuali e di importanti leader politici. Presenti alla presentazione i musicisti e compositori Franco D’Andrea e Giovanni Tommaso, gli storici Piero Bevilacqua (Roma La Sapienza) e Markus Engelhardt (Istituto Storico Germanico Roma).

banner_basta_farci_del_male_ridotto[1]

10mila firme per dire basta farci del male. Oggi tutti in campidoglio.

Ore 15, tutti in Campidoglio per consegnare al Sindaco Marino le oltre 10.000 firme raccolte in occasione della campagna “Basta farci del male”, la raccolta firme iniziata lo scorso 30 novembre che ha coinvolto i volontari della Lista Marchini Roma nei 15 Municipi della Capitale. In due mesi abbiamo ottenuto 10.138 firme a sostegno di 13 proposte di delibera per “migliorarci da subito la vita”. Siamo all’opposizione ma con alto senso di responsabilità ed in modo costruttivo e oggi lo dimostreremo!

RetataFosseArdeatine-e1327828151899[1]

Eccidio fosse ardeatine. Il quartiere non dimentica.

Oggi alle 17,30, in occasione del settantesimo anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine la Sezione ANPI Musu Regard deporrà un cuscino commemorativo presso le targhe site in P.zza Ledro 7 che ricordano la barbara uccisione di Luigi Pierantoni e di Raffaele Zicconi.
Il quartiere non dimentica. E Roma non dimentica 335 vittime innocenti. Al Museo Storico della Liberazione, a via Tasso, c’è la mostra “Passaggi nella città prigioniera“, dedicata all’occupazione nazista della città. Alle 15, alla Casa della Memoria e della Storia, si terrà un incontro a cura dell’ANED (Associazione Nazionale ex Deportati) sul Mausoleo delle Fosse Ardeatine, con la proiezione del film documentario di Massimo Sani “Roma 1944: l’eccidio alle Cave Ardeatine”. Sempre alla Casa della Memoria la presentazione, a cura dell’IRSIFAR (Istituto romano per la storia d’Italia dal fascismo alla Resistenza) del volume di Adachiara Zevi “Monumenti per difetto. Dalle Fosse Ardeatine alle pietre d’inciampo (Donzelli editore, 2014)”. Al Nuovo Cinema Aquila alle 18.30 e Casa del Cinema alle 20,30, viene presentato invece il documentario di Lucrezia Lo Bianco e Agostino Pozzi “Via Tasso da carcere a Museo”.

Potrebbe interessarti:

http://www.romatoday.it/eventi/fosse-ardeatine-eventi-memoria-24-marzo-2014.html

101561[1]

A scuola di Memoria. Un piccolo contributo per la “Principessa Mafalda”.

I piccoli gesti fanno la differenza. Quante volte ho sentito dire queste parole. Quante volte sono rimaste parole. In qualità di Vice Presidente del Consiglio del Municipio II ho potuto compiere un piccolo gesto per una scuola che tanto si è dedicata a progetti sulla Memoria, nonostante le infinite difficoltà in cui gravano, in questo tempo, tutti i plessi del nostro quartiere e della nostra città. Alla “Principessa Mafalda”, alla sua Dirigente, la Dott.ssa Allerhand, ho donato i materiali di cancelleria acquistati con il fondo di cui ciascun Consigliere municipale dispone per tali spese (192 euro a testa). Una boccata d’ossigeno per un Istituto, alle prese con i tagli al FIS, con i problemi di edilizia scolastica, con la riduzione dei progetti e la mancanza di supplenti, con la fatica di garantire il sostegno ai bambini che ne hanno bisogno, senza lasciare nessuno indietro. Un piccolo gesto.