Monthly Archives: novembre 2014

Bando pubblico per uno spettacolo in periferia

Mi sembra giusto dare visibilità a questo bando anche se rivolto alle zone periferiche:

Selezione di progetti di animazione culturale e spettacolo dal vivo, attività ludico-ricreative, spettacoli di suoni e luci, installazioni artistiche, proiezioni architettoniche e interventi urbani da realizzarsi all’interno dei Centri Culturali di periferia e nelle aree periferiche di Roma Capitale nel periodo dal 19 dicembre 2014 al 31 marzo 2015.
I progetti devono essere presentati da Enti, Associazioni e Società che svolgano attività continuativa e preminente nel campo della cultura e/o spettacolo, in possesso di partita IVA.
Scadenza: 09/12/2014
Qui l’Avviso Pubblico con relativi allegati.

palme-2-2[1]

Allarme punteruolo rosso per le palme di villa ada.

L’associazione ambientalista Sherwood, unica voce nel deserto, ha lanciato l’allarme a Servizio Giardini e Municipio II molto tempo fa. Oggi molte palme di Villa Ada stanno morendo, divorate da quella piaga d’Egitto che è il punteruolo rosso. Sono alberi monumentali sui quali si sarebbe potuti intervenire con operazioni di prevenzione. L’associazione Sherwood si chiede – ed io con lei – cosa ha fatto sino ad ora il Servizio Giardini? Con quali metodologie si è intervenuti a difesa delle palme? Che fine ha fatto la promessa del rimpiazzo di 100 alberi caduti nei parchi romani, per le nevicate del febbraio 2012?  Ne erano stati promessi 100, a Villa Ada ne sono arrivati una decina.

contadinoluiss

Carote Luiss. Orto condiviso. Pensando al social eating.

Sperimentare un modello didattico e culturale innovativo, imparare a condividere strumenti e strategie d’azione, e ridisegnare insieme il nostro futuro in modo concreto. È la missione dell’orto condiviso LUISS, nato qualche mese fa nella sede dell’università di Viale Romania, aperto a studenti, associazioni, docenti e personale, che viene inaugurato oggi 26 novembre. Ideato e curato dai ragazzi di LabGov, l’orto è una palestra di innovazione sociale, un vero e proprio modello di green governance collaborativa, pensato per unire tre ambiti di ricerca (ambiente, agricoltura e alimentazione), e che punta a riappropriarsi del territorio come bene comune. Read More

leoncino curioso

Le migliori foto naturalistiche del mondo al museo di zoologia.

Si è aperta domenica al Museo di Zoologia, a Villa Borghese, la mostra delle migliori foto naturalistiche del mondo. Sono oltre 100 le più belle immagini del 2013, raccolte nella mostra Wildlife Photographer of the Year nelle 18 categorie del concorso indetto ogni anno dal Natural History Museum di Londra in collaborazione con BBC Wildlife Magazine. Giunto ormai alla sua 49esima edizione, il premio ha selezionato cento immagini spettacolari che catturano momenti altrimenti indescrivibili. Le 18 categorie e relativi premi racchiudono i molteplici aspetti grazie ai quali la natura si manifesta in tutto il suo fascino ed energia vitale, compresi i modi in cui i giovani riescono a cogliere e raccogliere il suo messaggio. La speranza è che, con l’emozione si attivi una riflessione sul passato e il futuro del pianeta. Perché la Terra è in prestito.

31_05_Villa_Ada_2[1]

Vivere dentro villa ada per 10 euro al mese.

Ex mogli, ex compagne, ex custodi. Tutti ospiti delle case di guardianìa delle ville storiche romane. Tutti abusivi per legge. A Villa Ada si paga un affitto di 10 euro al mese, ritenuto scandaloso, in verità, anche da chi ha ereditato il diritto ad alloggiare lì dal marito, già direttore del Servizio Giardini. Il punto è che Villa Ada – come tutte le ville storiche romane – di un servizio di sorveglianza avrebbe proprio bisogno. Ma così il Comune perde due volte: da una parte c’è il mancato introito, per le casse capitoline, dell’affitto di un appartamento da 110 mt quadri dentro un parco, dall’altra l’impossibilità di sfruttare quello spazio per ripristinare un’attività di vigilanza in una villa storica, ogni giorno di più trascurata e meno sicura. La teoria del “vetro rotto” la conosciamo ormai bene. E se non viviamo nella bellezza, se non la coltiviamo anche a partire dal rispetto del bene pubblico, basterà – come basta – un motorino dentro Villa Ada a farla diventare un parcheggio.

Rubare le grondaie ad un asilo nido. Roma, 2014.

Roma, 2014. Ancora, nei nostri quartieri, non siamo arrivati al furto dei tombini, però possiamo gareggiare per il colpo più squallido dell’anno. O almeno, il tentativo di portare a segno un colpo. E’ andata male, infatti ad un cittadino romeno di 37 anni, sorpreso dai carabinieri della stazione Roma Viale Libia a rubare le grondaie dell’asilo comunale di via Nicolò Piccinni. L’uomo, domiciliato a Roma, è stato arrestato e processato con rito direttissimo. Per questa volta le grondaie sono tornate nella scuola. Che facciamo, vogliamo proteggerle le scuole, magari installando delle telecamere collegate con la sala operativa della polizia o giochiamo al “ritenta, sarai più fortunato”?