Monthly Archives: ottobre 2015

12074548_1484321868539458_567299855654977161_n[1]

Villa Torlonia è di tutti noi. Non la abbandoniamo.

Villa Torlonia è il parco più importante del quartiere Nomentano-Italia ed è abbandonato al degrado e all’incuria. Vediamo tutti i giorni quanto grave sia la situazione e, nonostante le pressioni sul Servizio Giardini, anche come consiglieri municipali non riusciamo ad ottenere molto. Ora un gruppo di cittadini ha deciso di costituirsi in comitato e di non mollare la presa. E’ nato il Comitato Villa Torlonia, al quale auguro lunga vita. Read More

locale-chiuso-via-ausoni-2[1]

Galleria d’arte, anzi no. Alcol abusivo a San Lorenzo.

La polizia ha posto i sigilli a una galleria d’arte che vendeva abusivamente bevande alcoliche a basso costo. Il locale si trova in via degli Ausoni, nel quartiere San Lorenzo. L’attività avrebbe dovuto essere solamente un servizio accessorio, offerto ai visitatori che vi entravano per acquistare o visionare i quadri e le altre opere d’arte esposte. I titolari non rilasciavano neppure alcuno scontrino fiscale relativo alle bevande alcoliche poco prima acquistate.E per eludere i divieti normativi, più volte era stata cambiata la titolarità e la tipologia di licenza. Read More

collage-via-como[1]

C’era una volta il circolo del tennis di via Como.

Triste vicenda quella dello storico Circolo del Tennis di Via Como. Là dove giocarono Nicola Pietrangeli e Lea Pericoli, oggi vi è cemento e degrado. Su quei campi nove campi in terra battuta abbracciati da tanti pini secolari, nel cuore del quartiere Italia, fin dal 1945 una campionessa del passato come Silvana Lazzarino ha avviato al tennis centinaia di ragazzini. Tante celebrità dell’epoca frequentavano il Circolo, da Gina Lollobrigida a Renato Carosone, da Rod Steiger alla sig.ra Gronchi, moglie dell’ex Presidente della Repubblica. All’inizio c’erano solamente tre campi da tennis e una pista di pattinaggio. Poi diventò un Circolo dove veniva ad allenarsi anche Nicola Pietrangeli. Oggi il quadrilatero compreso tra Via Como, via Agrigento, Via Imperia e via Pavia, è una vasta area coperta di cemento. Read More

siringa-295863.660x368[1]

Villa Ada, il mio tarlo. Bambino punto da siringa.

Un bambino di 4 anni si è punto sul palmo della mano con una siringa trovata abbandonata sotto una panchina. E’ successo a Villa Ada qualche giorno fa. I genitori, legittimamente spaventati, lo hanno portato immediatamente al pronto soccorso del Policlinico Umberto I. Ora il piccolo dovrà seguire un monitoraggio semestrale, con periodici prelievi del sangue, per escludere ogni contagio. Read More

orfini-marino-renzi1[1]

Marino va alla guerra col PD. Ma a Roma chi ci pensa?

La vendetta perfetta è andata in scena nella piazza di Michelangelo. Facebook non è Roma, ma può bastare per consumare il regolamento di conti di Ignazio Marino, pronto ad accogliere le correnti che hanno distrutto il Partito Democratico e la città, pronto a imbarcare gli anti-Renzi e gli anti-Bergoglio, gli anti-Orfini e i mi-si-nota-di-più- se-vado-in-piazza-e-non-rilascio-dichiarazioni. Tutte, ma proprio tutte le cartucce, vengono spese, tra il richiamo nostalgico e un po’ naïve al Che e l’appello firmato da 50mila italiani – romani non tutti – per dire a Renzi: perché io valgo. Come nella migliore tradizione dell’advertising. Plasticamente tracciava la situazione in cui Roma (de)càde, nel suo schema di assi cartesiani, lo storico Carlo Cipolla (Allegro ma non troppo): gli stupidi sono più pericolosi dei banditi, perché pensano solo al proprio tornaconto, producendo anche nocumento per gli altri. Read More

image[1]

Una famiglia di profughi nel Municipio II

“Ogni parrocchia, ogni monastero, ogni santuario d’Europa ospiti una famiglia di profughi”. Non è caduto nel vuoto l’appello di Papa Francesco rivolto alle comunità religiose durante l’Angelus lo scorso 6 settembre. Un’accoglienza che è iniziata proprio a Roma, e più precisamente nella Città del Vaticano dove le parrocchie di San Pietro e Sant’Anna, che sorgono all’interno dello Stato Pontificio, hanno aperto per prime le loro porte ai rifugiati. E così, la macchina della solidarietà si è attivata nella capitale. Read More