SENZA PAROLE!!!
Infestazione di Pokemon agli Uffizi: i mostriciattoli protagonisti del celebre gioco che sta impazzando in giro per il mondo hanno occupato anche la celebre Galleria vasariana, avvistati a decine, spiegano gli addetti del museo, nei corridoi, all’ombra delle statue ed anche nei pressi degli uffici, dove ne è stato scorto uno degli esemplari più antichi, Bulbasaur. L’invasione degli animaletti colorati in galleria, anticipata, alcuni giorni fa, dalla comparsa di Rattata sotto la loggia dei Lanzi, non si è però fermata agli Uffizi: altri ne sono stati avvistati in Palazzo Pitti, e, moltissimi, a quanto si apprende, starebbero prendendo dimora nel giardino di Boboli.
**************************************************************
Il successo di Pokemon Go continua a far soffiare il vento in poppa a Nintendo. Dal lancio del gioco, il 6 luglio scorso, la capitalizzazione di mercato di Nintendo è più che raddoppiata raggiungendo 42,4 miliardi di dollari, più di quella di Sony. Nintendo ha anche stabilito un nuovo record per il maggior numero di azioni scambiate in un giorno in Giappone, battendo il primato che aveva messo a segno venerdì scorso.
***************************************************************
Ci sono paesi in cui giocare a Pokemon Go potrebbe essere molto pericoloso, addirittura fatale. Come in Bosnia, dove per dare la caccia a Pikachu e compagnia alcuni giocatori si sono avventurati in aree dove sono ancora disseminate le mine antiuomo della guerra del 1990.
***************************************************************
L’Indonesia ha vietato al personale di polizia e ai militari di giocare a Pokemon Go durante le ore di servizio, avvertendo che le loro basi sono off-limits per altri giocatori. La decisione è arrivata dopo che un francese è stato arrestato e rilasciato per essere entrato inavvertitamente in una base militare, mentre dava la caccia alle creature virtuali.
******************************************************************
È fissato per venerdì 29 luglio, nella fattoria di Maiano di Firenze, il primo raduno fiorentino di Pokemon Go Dalle 18 libero accesso al parco botanico, 50 ettari di superficie, per potersi addentrare nel bosco della fattoria e mettersi sulle tracce dei Pokemon.

One Response to “Sulle tracce dei Pokemon”
  1. carlo caponi

    L’imbecillità umana è sconcertante. Che vivere in questo mondo tanto conflittuale sia sempre più difficile lo capisco, ma rifugiarsi nel mondo virtuale non risolve i problemi, anzi, li aggrava, significa abbandonare ogni responsabilità sociale e lasciare che siano altri a decidere del nostro destino.